venerdì 19 luglio 2013

veterinari psichiatri ed esorcisti




 Un'indegna lettera di un "veterinario"
 contro gli amici degli animali: quando la vita dei nostri animali è questione di umorismo....
La proposta di legge sulla malasanità animale presentata dall’on. Marco Lion nel 2005 ha sollevato un vivace dibattito sulla rivista "Professione Veterinaria" dell’associazione Nazionale Medici Veterinari (Anmvi). Dato che l’argomento è importante gli dedichiamo ampio spazio. La proposta ha in sostanza la funzione di avvicinare le regole per la sanità animale a quelle vigenti per la sanità umana; troppi sono infatti i casi di animali finiti male (ne avevamo riportati un paio di esempi) per cure sbagliate o mancate.Il quotidiano Libero nel 2005 aveva dato ampio spazio alla questione della malasanità animale e quindi erano usciti vari commenti su "Professione Veterinaria", che potete immaginare; ad una lettera di precisazione scritta dalla Presidente di "Arca 2000" il direttore rispondeva fra l’altro: "Le cifre sulla veterinaria pubblicate dal giornale (Libero) non sono aggiornate: rivelandoci di conoscerne le fonti dimostra il suo ruolo attivo nell’offenderci a mezzo stampa senza cercare il confronto con la categoria. La sorprenderà leggere che la nostra associazione ha già dato all’on. Lion la piena disponibilità a dare il proprio contributo"
Dopo qualche settimana, sul numero 23/2005, appariva una lettera di un tale dott. Edoardo Sorrentino, in cui si davano definizioni poco cortesi nei confronti di molti “amici degli animali” colpevoli, forse, di “eccessive” premure verso i loro animali. Allora, meglio clienti premurosi o menefreghisti? Questo è il dilemma; ecco il testo della lettera che riportiamo integralmente con successiva replica di "Arca 2000": "Non ho paura di certe proposte, ma dei volti che le rappresentano, quelli sì cari colleghi. La proposta di regolamentazione della professione veterinaria sembra volerci indicare, o meglio insegnare, una morale che noi medici veterinari non siamo mai riusciti a trovare.Estranei alla categoria, portavoce di una morale dal dito sempre puntato, ci dicono con ordini imperativi quello che noi, schiavi laureati perennemente a capochino e genuflessi di fronte a gente arrogante e ignorante, non abbiamo imparato in anni di studi e sacrifici. Ma la proposta di regolamentazione della nostra professione mi chiedo “chi soddisfa” socialmente? L’onorevole Marco Lion ha perfettamente ragione quando scrive che il veterinario ha cambiato il suo ruolo sociale. Ed è infatti assunto a confidente, confessore, psicoterapeuta. La solitudine, la disperazione, l’incapacità di socializzare ed altri stress urbani come la noia, hanno portato molti “amici degli animali” ad antropomorfizzare cani e gatti riversando su di essi un affetto malsano, rasentando il maltrattamento e cancellando del tutto il rispetto verso il prossimo: una porta spalancata all’intolleranza. Purtroppo molte di queste paranoie portano all’autocrazia; bisogna riferire immediatamente tutto a qualcuno; dobbiamo comunque sempre giustificare il nostro operato. Provate ad essere reperibili per queste persone “disturbate”: vi massacreranno e nulla importa se il vostro bambino stava male o eravate in una situazione di emergenza, magari con un altro paziente. Dovete comunque riferire a loro. La proposta che io, disonorevole e amorale medico veterinario, vorrei fare è quella di unire al team di terapeuti anche uno psichiatra, questa volta pagato dallo stato e qualche volta, in urgenza, anche un esorcista. Perché spesso veterinario e psicoterapeuta non bastano. Comprendo che sullo scacchiere politico italiano le mosse intelligenti oltre la proposta di regolamentazione della nostra professione non possono andare, ma comprendo anche il tedio cui è stato sottoposto l’onorevole Marco Lion. Perché questa proposta è già stata divulgata qualche anno fa da un’associazione animalista, ma di quelle intolleranti, noiose, prive di dialettica ed umorismo. Noi veterinari stiamo andando avanti da soli in un dedalo di difficoltà, in una società che cambia ed è in piena crisi economica, politica, morale e spirituale. Sempre più dobbiamo far fronte ad attrezzature costosissime, oneri, tasse, contributi, recupero crediti e sempre più spesso non ci si relaziona con dei malati, ma con affetti che non vorremmo certamente sottrarre a persone che purtroppo ne fanno l’assoluta ed unica ragione di vita. Sbagliare accade a chiunque faccia perché, anche operando con scienza e coscienza, solo gli imbecilli non sbagliano mai e vivere è la cosa più rara al mondo. Molta gente purtroppo esiste ... e basta. Vorrei continuare puntualizzando sulla regolamentazione della nostra professione, ma questa è tutta un’altra storia"
Si noti bene che il dottor Sorrentino non parla di casi isolati, ma di molti “amici degli animali” con affetti malsani, quindi una percentuale ben corposa, così come spesso (non solo qualche volta) psicoterapeuta e veterinario non basterebbero; per non dire del “molta gente purtroppo esiste ... e basta”. Ben gentile, vero? La settimana dopo veniva pubblicata un’altra (molto più breve) lettera del dott. Sorrentino in cui invitava ad alzare la voce contro la proposta e il direttore rispondeva che sulla loro rivista vengono ospitati i pareri di tutti coloro che hanno qualcosa da dire e che sono benvenuti tutti i contributi, anche gli sfoghi, ma anziché giocare di reazione dobbiamo imparare a metterci in gioco.
°°°°°°°°°°°°°°°°
 GIU' LE MANI DAI NOSTRI ANIMALI

Dopo queste lettere - di sicuro qualcosa da dire l’avevamo, se non altro perché l’associazione cui fa riferimento il Sorrentino (definita "intollerante, noiosa, priva di dialettica e di umorismo") può sembrare proprio Arca 2000, essendo la prima ad aver portato avanti questo discorso da anni.
Ecco cosa abbiamo allora inviato alla rivista "Professione veterinaria":
"Da poco (il 17/8/2005) è stata approvata la legge che disciplina l’attività di “acconciatore”, che comporta l’obbligo di frequenza di un corso di riqualificazione professionale. Vi chiederete cosa abbiano da spartire gli acconciatori con i veterinari. Nulla, solo la semplice constatazione che i veterinari non hanno ancora una legge che disciplini la loro professione, mentre esiste anche per i parrucchieri! Per questo, non si comprende, la “levata di scudi” di fronte alla pdl 5774 per la “Regolamentazione della professione veterinaria” proposta su istanza di 16.000 cittadini e otto associazioni animaliste dall’On.Marco Lion dei Verdi, nell’aprile scorso. I veterinari che operano con correttezza e professionalità non dovrebbero avere nulla da temere da questa proposta che sancisce in via di principio, obblighi e doveri che dovrebbero essere prassi quotidiana per ogni buon veterinario. In merito alla pdl si può certo accettare un confronto, ma con toni pacati e civili, valutando le ragioni degli uni e degli altri, eppure leggiamo in alcuni articoli inviati da alcuni veterinari al vostro giornale, reazioni impetuose e poco riguardevoli verso chi cerca di tutelare e valorizzare la vita animale in ogni modo. Ci riferiamo in particolare a due articoli firmati dal dottor Sorrentino e pubblicati sui numeri 24 e 25 del vostro giornale “Professione veterinaria”, in cui si danno definizioni poco cortesi nei confronti di molti “amici degli animali” colpevoli, forse, di “eccessive” premure" verso i loro animali. Meglio clienti premurosi o menefreghisti? Questo è il dilemma E’ bene ricordare che è grazie proprio ai clienti premurosi che i veterinari vivono e non certo grazie a chi si reca presso un ambulatorio veterinario con il cane o il gatto solo quando stanno per morire, non certo grazie a chi non spende un soldo nemmeno per fare un vaccino, perché tanto è una cosa superflua, anzi inutile; perché agitarsi tanto, poi, per un cane o un gatto, esseri inferiori, a volte dei veri fastidi, quando e soprattutto, stanno male di notte? Se invece ci sono dei proprietari amorevoli, che gli vogliono bene e, perché no, ne fanno un centro affettivo della loro esistenza, ecco che si parla di stress urbano, disturbi della personalità, magari paranoie, perché si sa, gli animali fanno comodo, ma solo quando non creano fastidi e se si torcono dai dolori alle tre di notte e non si trova uno straccio di soccorso veterinario, la colpa è forse del padrone troppo ansioso, si preoccupa troppo… Sarebbe bene ricordare ai tanti aspiranti veterinari che entrano nelle Università che fare il medico veterinario (medico, ricordiamolo bene) non è certo un lavoro per vivere “timbrando il cartellino”, ma una professione che entra in contatto con esseri viventi e senzienti e quindi dovrebbe comportare abnegazione tanto quanto il medico per gli esseri umani. Se non si vuole affrontare la professione con questa visione, le strade e le scelte lavorative da percorrere dovrebbero essere altre. Leggiamo a volte che i medici veterinari si sentono medici di serie B. Come volete che Vi considerino diversamente, fino a quando Voi per primi riterrete gli animali che curate esseri di serie B, e tratterete da “disturbati” coloro che li considerano di serie A (come invece faceva Leonardo da Vinci, non certo “disturbato”)? Sono proprio le istanze animaliste che – rivalutando il valore degli animali – Vi permetterebbero di salire nella considerazione sociale. errori e responsabilità In quanto agli errori e alle negligenze, saranno forse cosa “umana”, ma bisogna accettare di risponderne di fronte alla legge tanto quanto i Vostri colleghi che curano gli umani. Sapete bene che questi se omettono un soccorso, o non osservano regole e prassi anche burocratiche, ne pagano conseguenze civili e penali.
Dal canto nostro, siamo abituati alle critiche e ad essere attaccati, spesso con argomentazioni di basso livello, ma tutto questo non cambia, anzi rafforza i nostri intenti e le nostre convinzioni. Quello che realmente intendiamo combattere è l’omertà e il silenzio che coprono minacciosi i numerosi casi di malasanità animale affinché non si debba seppellire, con rabbia e dolore, sotto un tumulo di terra, un affetto strappato, cancellandone ogni traccia. E quanto alla mancanza di umorismo segnalata dal Vostro collega nei nostri confronti, credo che su argomenti così seri, che rappresentano vere tragedie personali per chi considera gli animali componenti della propria famiglia, solo una completa mancanza di sensibilità permetterebbe di far trovare qualcosa su cui sorridere"
associazione "Arca 2000" onlus diritti dell'animale malato

http://www.yumpu.com/it/document/view/16316200/veterinari-psichiatri-ed-esorcisti-arca-2000 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.