giovedì 4 luglio 2013

VIETATI I MERCATI DI ANIMALI PER SAN PATERNIANO A GROTTAMMARE



Dopo anni di denunce, picchetti animalisti, proteste piovute da mezza Italia, il Comune di Grottammare si è deciso ad emettere un divieto per i mercati degli animali in occasione della Fiera di S.Paterniano del prossimo Luglio.
Si tratta di un provvedimento che non è stato comunicato alle associazioni animaliste nè tanto meno ai mezzi di informazione; solo adesso dopo un' ennesima protesta preventiva con centinaia di mail indirizzate al nuovo sindaco grottese, il Comune si è deciso a comunicare il provvedimento deliberato lo scorso maggio a fine mandato dell'ex sindaco Luigi Merli, il quale si era espresso più volte, in passato, a favore dei mercati di animali da lui considerati una "tradizione" per Grottammare. Come mai il sindaco e la sua giunta lo scorso maggio, e in prossimità della fine del mandato elettorale, hanno cambiato idea? Resta il fatto che il divieto non è un provvedimento definitivo ma fa parte di una delibera riguardante solo la fiera di S.Paterniano del 2013. 
Un vero divieto deve avere un carattere definitivo , essere esteso a tutte le fiere, manifestazioni e iniziative di ogni genere, dove l'esposizione e la vendita di animali deve essere  vietata a tempo indeterminato. Il Comune di Grottammare non si è mai dotato di un regolamento per il benessere degli animali, più volte richiesto da cittadini e associazioni, pertanto il  divieto per la fiera di S.Paterniano ha bisogno di essere ratificato da un provvedimento più ampio su tutto quello che riguarda il benessere degli animali sul territorio comunale.

altri articoli in cronaca:

1 commento:

  1. EVVIVA!!!! Un piccolo grande passo per essere migliori! Complimenti a tutti!!!!!! Un grande plauso a Arca 2000.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.