lunedì 14 marzo 2011

nessun soccorso, se il tuo pet sta male di notte


Gli animali fanno parte della nostra famiglia umana, sono affetti impagabili, membri a tutti gli effetti della nostra famigla umana, esseri viventi i cui diritti sono stati riconosciuti e affermati da più leggi nazionali ed europee.Diritti che non sono garantiti e tutelati adeguatamente, basta considerare al vuoto legislativo in materia di tutela sanitaria nell'ambito delle cure veterinarie. Quando un nostro pet sta male di notte, con patologie che richiedono il soccorso d' urgenza, non esiste un attrezzato pronto soccorso veterinario 24h sul nostro territorio .La sanità animale è lasciata alla discrezione personale di qualche veterinario, libero anche di staccare il telefono e di non rispondere alle chiamate d'intervento. Oltre a ciò, non sono garantiti aiuti per sostenere le spese sanitarie veterinarie (cure, sterilizzazioni, terapie...) che sono a nostro carico. Se pensiamo ai tanti cani e gatti che si trovano nei canili e gattili d'Italia, dovremmo anche pensare ad un incentivo per le adozioni, dato che il mantenimeto degli animali nei canili ha un costo per la collettività. Ci dovrebbe essere anche più attenzione alla qualità e tracciabilità delle prestazioni veterinarie, dato che i veterinari, contrariamente ai medici degli umani, non sono tenuti a tenere,compilare e conservare cartelle cliniche, nè a rispondere del loro operato ai clienti e alla legge. Chi cura i nostri animali, dovrebbe sottostare a regole ben precise.Attualmente c'è un vuoto legislativo vergognoso, che genera episodi di malasanità animale, destinati a rimanere impuniti, mentre una proposta di legge nazionale, per la tutela sanitaria degli animali,voluta dagli animalisti, giace in Parlamento dimenticata da anni.